Concerto tagged posts

Works showcasing the BSO’s strings, winds, brass, and percussion – BARTÓK Concerto for Orchestra

Works showcasing the BSO’s strings, winds, brass, and percussion – BARTÓK Concerto for Orchestra
Event on 2018-10-12 13:30:00
View biography in full page >

With a "scrupulous ear for instrumental color and blend" (Washington Post) and bringing "a distinctive dynamism to the podium" (Baltimore Sun), the 2017/18 season marks Hannu Lintu's fifth year as Chief Conductor of the Finnish Radio Symphony Orchestra. Last season's highlights include a concert tour to Russia, with performances at the Moscow Conservatory, Vyborg's House of Culture and St Petersburg's Philharmonic Grand Hall, and a performance of Väin??Raitio's opera Princess Cecilia (the first in 80 years) at the Helsinki Festival – both part of celebrations marking 100 years of Finnish independence. On Independence Day (6 December 2017) the orchestra honours its 90th anniversary and 100-year-old Finland, premiering newly commissioned works by longtime FRSO collaborator Magnus Lindberg and Lotta Wennäkoski. Seven more premieres are scheduled throughout the season, along with performances of Bartók's Bluebeard's Castle and Beethoven's Fidelio among others. In March 2018 the FRSO tours Spain and Germany with cellist Sol Gabetta, taking in such venues as the Berlin Philharmonie and the Cologne Philharmonie.

Highlights of Lintu's 2017/18 season include returns to the Tokyo Metropolitan Symphony Orchestra, Washington's National Symphony Orchestra, and the Dallas Symphony and Detroit Symphony orchestras. Lintu also makes his debut with the Naples Philharmonic, Singapore Symphony and Hiroshima Symphony orchestras. Recent engagements include the Deutsches Symphonie-Orchester Berlin, Luzerner Sinfonieorchester, Orquesta Sinfónica de Galicia, Seoul Philharmonic Orchestra, and the St Louis Symphony, Baltimore and Toronto Symphony orchestras, as well as three acclaimed European debuts: Staatsorchester Stuttgart Opera, Radio-Symphonieorchester Wien and NDR Elbphilharmonie Orchester.

A regular in the pit, Lintu returns to the Savonlinna Opera Festival in July 2018 to conduct Verdi's Otello – in 2017 he conducted Aulis Sallinen's Kullervo as part of Finland's centenary celebrations. The Finnish National Opera and Ballet also honoured 100 years of independence in a special collaborative project with director/choreographer Tero Saarinen of Sibelius's Kullervo, with Lintu receiving rave reviews: "No other conductor – including several distinguished Sibelians – I have heard in this music has been quite so willing to show what makes [Kullervo] so original" (Opera Magazine, May 2017). Previous productions with Finnish National Opera include ParsifalCarmen, Sallinen's King Lear, and Wagner's Tristan und Isolde in spring 2016. Lintu has also worked with Tampere Opera and Estonian National Opera.

Hannu Lintu has made several recordings for Ondine, Naxos, Avie and Hyperion. His recording of selected works by Erkki-Sven Tüür (with Christoffer Sundqvist, Pekka Kuusisto and the FRSO) was released in February 2017; Prokofiev's Piano Concertos with Olli Mustonen, Mahler's Symphony No.1, and Messiaen's Turangalîla Symphony with Angela Hewitt and Valerie Hartmann-Claverie are among other recent releases. Lintu has received several accolades for his recordings, including a 2011 Grammy nomination for Best Opera CD, plus Gramophone Award nominations for his recordings of Enescu's Symphony No.2 with the Tampere Philharmonic Orchestra and the Violin Concertos of Sibelius and Thomas Adès with Augustin Hadelich and the Royal Liverpool Philharmonic Orchestra.

Hannu Lintu studied cello and piano at the Sibelius Academy, where he later studied conducting with Jorma Panula. He participated in masterclasses with Myung-Whun Chung at the Accademia Chigiana in Siena, Italy, and took first prize at the Nordic Conducting Competition in Bergen in 1994.

at Symphony Hall
301 Massachusetts Avenue
Boston, United States

More

CONCERTO NOMADI CASTAGNOLE DELLE LANZE – AT (IT) 27AGOSTO @ HOTEL LA TERRAZZA CHERASCO

CONCERTO NOMADI CASTAGNOLE DELLE LANZE – AT (IT) 27AGOSTO @ HOTEL LA TERRAZZA CHERASCO
Event on 2016-08-31 19:00:00
CONCERTO NOMADI CASTAGNOLE DELLE LANZE – AT (IT) 27AGOSTO @ HOTEL LA TERRAZZA CHERASCO           1 CASTAGNOLE DELLE LANZE – AT (IT)SABATO27AGOSTO2016PIAZZA S. BARTOLOMEOOrario di Inizio Concerto18:00Costo Biglietto:€ 18.00Bambini Ingresso Gratuito fino a 10 anniDisabili Ingresso Gratuito con accompagnatore pagante ——————————— Dove pernottare?   Hotel LA TERRAZZA – Via Bra, 27/A – 12060 Roreto di Cherasco (CN) – Italia la.terrazza@virgilio.it 0172499014 L'albergo è a 15 km da Alba, città-mito del Tartufo Bianco, il cui centro storico ha il fulcro in Via Maestra, vera boutique di tipicità e prodotti prestigiosi, da sempre punto di incontro per albesi e turisti. Uscendo da Alba in direzione di Bra si incontra Pollenzo. Lungo il muro di cinta della Riserva Reale di caccia si possono ammira re la chiesa di S. Vittore, il castello neogotico ed il Torrione. Pollenzo è inoltre la sede della prima Università di Scienze Gastronomiche, nata per volere dell'Associazione Slow Food, nota in tutto il mondo per la salvaguardia del patrimonio eno-gastronomico italiano. Pochi chilometri più avanti si giunge a Cherasco, la città delle Paci. Palazzo Salmatoris, dove Napoleone siglò il noto trattato , ospita mostre d'arte di rilievo internazionale. Cherasco è anche famosa per i suoi numerosi mercatini d'antiquariato e per la presenza del rinomato Golf Club "Le Chiocciole". A 5 km dall'albergo si trova Bra, cittadina del Roero, dominata dalla costruzione della Zizzola, merita la visita per il Santuario della Madonna dei Fiori, la Chiesa di S. Chiara ed il gotico quattrocentesco di Palazzo Traversa, sede del Museo Civico di Storia e Archeologia. La chiesa dei Battuti Bianchi, S. Giovanni Decollato e la Parrocchiale di S. Andrea completano l'itinerario turistico della città

at Cherasco
Via Vittorio Emanuele, 120
Piemonte, Italy

More

CONCERTO QUINTORIGO “PLAY MINGUS” a Riccione

CONCERTO QUINTORIGO “PLAY MINGUS” a Riccione

Valentino Bianchi, sax
Andrea Costa, violino
Gionata Costa, violoncello
Stefano Ricci, contrabbasso
Luisa Cottifogli, voce

Il tributo dei Quintorigo al genio del compositore statunitense, il primo realizzato in Italia (con cui si sono aggiudicati il prestigioso titolo di â??Miglior formazione del 2008â? secondo il referendum annuale indetto dalla rivista MUSICA JAZZ, disponibile anche su CD Sam Productions/Egea) è uno spettacolo complesso e di grande impatto. La soluzione scenografica ci porta indietro nel tempo all’interno dei jazz club newyorkesi anni ’50. L’intercalare tra musica e letture (dall’autobiografia “Peggio di un bastardo”; e da “Tonight at noon”, biografia scritta dalla seconda moglie Sue Graham Mingus), ci aiuta a ricomporre il complesso puzzle “Mingus”: la sua musica, la sua vita, la realtà dell’america razzista di quegli anni. Quintorigo play Mingus: una rilettura moderna ed affascinante di uno dei geni più innovativi del jazz moderno, Charles Mingus.

Charles Mingus (1922-1979) fu un autentico genio del jazz: compositore, direttore dâ??orchestra, contrabbassista, pianista, ha lasciato unâ??impronta indelebile nella storia della musica del â??900, unâ?? influenza consistente ed imprescindibile sui musicisti contemporanei, unâ??eredità preziosa per tutti coloro che oggi suonano, amano ed ascoltano jazz. Il progetto Quintorigo play Mingus, nasce con dei precisi intenti e sulla base di una attenta riflessione, mosso da un amore incondizionato da parte del gruppo nei confronti, non soltanto del musicista, ma anche dellâ??uomo Charles Mingus.

Quintorigo play Mingus è un progetto articolato, che si muove e si sviluppa tra il disco e le esibizioni dal  vivo, un disco ed un concerto che sono imprescindibili lâ??uno dallâ??altro, che si integrano dando corpo e  completezza allâ??opera.Non un disco o un concerto tributo quindi, ma qualcosa che si può definire unâ??opera monografica mista, che fonde lâ??elemento musicale (preponderante ed accurato) alla dimensione teatrale e a quella documentaristica.

Nei concerti infatti, molto curati anche nelle scenografie, vengono suonati gli arrangiamenti in stile Quintorigo dei brani più celebri di Mingus e presenti anche nel disco, affiancati dalle letture di alcuni passi significativi della sua autobiografia e dalle proiezioni su maxi schermo di documentari e stralci di concerti, ai quali si sovrappone intrecciandosi il commento – accompagnamento – contrappunto. Il tutto incorniciato in una raffinata scenografia fatta di pochi oggetti, luci e costumi che fonde vintage, postmoderno, tecnologia, old-fashion e cool. Il risultato agli occhi del pubblico è una sorta di coinvolgente e poetico dialogo fra Quintorigo e Mingus, fra jazz e contaminazioni, fra musica vecchia e nuova, fra passato e contemporaneità, dove sarà possibile leggere uno spaccato della società americana ante e dopoguerra, con riferimento alle tematiche razziali, politiche e di costume.

Per gli interessati nelle vicinanze del teatro possono trovare Hotel 3 stelle Riccione e Hotel 2 stelle Riccione
Ingresso: euro 15,00
Info: Assessorato alla cultura – tel. 0541.608285

Edita

Find More Dallas Hotels Articles

More

Bach – Double Violin Concerto in D minor 2nd movement, Largo


Title : Johann Sebastian Bach, Double Violin Concerto in D minor (2nd movement, Largo Ma Non Tanto (BWV 1043) From Wikipedia , The Concerto for Two Violins in D minor (BWV 1043) is perhaps one of the most famous works by JS Bach and considered among the best examples of the work of the late Baroque period. Bach wrote it in Leipzig sometime between 1730 and 1731, most likely for the Leipzig Collegium Musicum, of which he was the director. It also exists in an arrangement for two harpsichords, transposed into C minor (BWV 1062). In addition to the two soloists, the concerto is scored for strings and basso continuo. The concerto is characterized by the subtle yet expressive relationship between the violins throughout the work. The musical structure of this piece uses fugal imitation and much counterpoint. The concerto comprises three movements: Vivace Largo ma non tanto Allegro

More